Tasse acquisto prima casa: ecco cosa devi sapere

Quando si decide di acquistare la prima casa si progetta un investimento importantissimo. Questo significa che è fondamentale prendere in considerazione anche l’aspetto fiscale, ossia le tasse acquisto prima casa.

Tasse acquisto prima casa calcolo: tutti i casi

Le tasse acquisto prima casa sono soggette a un regime agevolato, questo perché l’operazione è da considerare come finalizzata all’acquisizione di un bene di natura essenziale.

Prima di entrare nel dettaglio delle singole voci fiscali, è bene ricordare che le imposte variano sulla base della natura del venditore e della destinazione dell’immobile.

Tasse acquisto prima casa 2016: il caso dell’acquisto da privato

Le tasse acquisto prima casa variano prima di tutto sulla base della natura del venditore. Nel caso di acquisto della prima casa da privato – operazione interessata da semplificazioni normative in seguito all’approvazione del decreto legislativo 104/2013 – è necessario basarsi sulle seguenti voci fiscali:

  • Iva esente
  • Imposta di registro del 2% (sale al 9 in caso di immobile annoverato nelle categorie catastali di lusso)
  • Imposta ipotecaria fissa di 50€
  • Imposta catastale fissa di 50€

Tasse acquisto prima casa da costruttore: tutte le informazioni

Analizzare la questione delle tasse acquisto prima casa significa considerare anche la questione della compravendita da impresa costruttrice. Nel caso di impresa edile che ha terminato i lavori da meno di 5 anni le imposte sono queste:

  • Iva al 4%
  • Imposta di registro fissa di 200€
  • Imposta ipotecaria fissa di 200€
  • Imposta catastale fissa di 200€

Se invece l’acquisto avviene da un’impresa non costruttrice o da una realtà nel campo edile che ha terminato i lavori da più di 5 anni, le voci da considerare sono queste:

  • Iva esente
  • Imposta di registro del 2%
  • Imposta ipotecaria fissa di 50€
  • Imposta catastale fissa di 50€

Tasse acquisto prima casa notaio: le informazioni sul versamento delle imposte

Le tasse acquisto prima casa (imposta catastale, imposta di registro e imposta ipotecaria) vanno versate al notaio al momento della redazione dell’atto di compravendita. Per effetto della Legge Finanziaria del 2007, l’acquirente della prima casa a uso abitativo ha la possibilità di basare il calcolo dell’imposte sul valore catastale e non sul corrispettivo versato (questo vale in caso di acquirente privato che agisce per scopi di natura non imprenditoriale).

Se la vendita dell’immobile registrato come prima casa è soggetta a Iva, la base imponibile è il prezzo pagato e non il valore catastale dell’immobile. Fondamentale è ricordare che l’acquirente ha la possibilità di richiedere il calcolo delle imposte prendendo come base il valore catastale e non il prezzo dichiarato a seguito della negoziazione con il venditore.

Questa agevolazione è subordinata all’indicazione nell’atto dell’importo specifico pattuito per la cessione e alla riduzione del 30% della parcella notarile.

News Prestiti per pensionati

Calcolo rata mutuo tasso fisso: Come si calcola e conviene? La richiesta di un mutuo rappresenta un momento molto importante, dal momento che questo tipo di prestito che coinvolge tante variabili, sociali ed economiche del richiedente, è spesso di importo piuttosto elevato; difatti in casi in cui si ha necessità di una provvista economica minore si ricorre a...
Come funzionano i prestiti postali? Analisi offerta Come funzionano i prestiti postali? Capire le caratteristiche delle prestazioni economiche messe a disposizione da PosteItaliane è fondamentale se si punta a richiedere l’accesso al credito, qualunque sia la finalità. Prestiti postali: ecco come richiederli Per capire come funzionano i prestiti po...
Finanziamenti auto usate: le offerte da non perdere I finanziamenti auto usate sono prodotti sempre più richiesti. Considerati a maggior rischio d’insolvenza rispetto a quelli orientati all’acquisto di auto nuove, questi finanziamenti sono caratterizzati in generale da un tasso più alto. Offerte finanziamenti auto usate: qualche esempio specifico I...
Prestito casa: le soluzioni per acquistare elettrodomestici e finanziare lavori Ricorrere a un prestito casa può essere necessario in situazioni come la necessità di finanziare piccoli lavori di ristrutturazione o l’acquisto di un elettrodomestico, circostanze in cui non c’è bisogno di richiedere cifre alte come quelle dei mutui. Prestito casa Carrefour Banca: ecco come funzio...