Tasse acquisto prima casa: ecco cosa devi sapere

Quando si decide di acquistare la prima casa si progetta un investimento importantissimo. Questo significa che è fondamentale prendere in considerazione anche l’aspetto fiscale, ossia le tasse acquisto prima casa.

Tasse acquisto prima casa calcolo: tutti i casi

Le tasse acquisto prima casa sono soggette a un regime agevolato, questo perché l’operazione è da considerare come finalizzata all’acquisizione di un bene di natura essenziale.

Prima di entrare nel dettaglio delle singole voci fiscali, è bene ricordare che le imposte variano sulla base della natura del venditore e della destinazione dell’immobile.

Tasse acquisto prima casa 2016: il caso dell’acquisto da privato

Le tasse acquisto prima casa variano prima di tutto sulla base della natura del venditore. Nel caso di acquisto della prima casa da privato – operazione interessata da semplificazioni normative in seguito all’approvazione del decreto legislativo 104/2013 – è necessario basarsi sulle seguenti voci fiscali:

  • Iva esente
  • Imposta di registro del 2% (sale al 9 in caso di immobile annoverato nelle categorie catastali di lusso)
  • Imposta ipotecaria fissa di 50€
  • Imposta catastale fissa di 50€

Tasse acquisto prima casa da costruttore: tutte le informazioni

Analizzare la questione delle tasse acquisto prima casa significa considerare anche la questione della compravendita da impresa costruttrice. Nel caso di impresa edile che ha terminato i lavori da meno di 5 anni le imposte sono queste:

  • Iva al 4%
  • Imposta di registro fissa di 200€
  • Imposta ipotecaria fissa di 200€
  • Imposta catastale fissa di 200€

Se invece l’acquisto avviene da un’impresa non costruttrice o da una realtà nel campo edile che ha terminato i lavori da più di 5 anni, le voci da considerare sono queste:

  • Iva esente
  • Imposta di registro del 2%
  • Imposta ipotecaria fissa di 50€
  • Imposta catastale fissa di 50€

Tasse acquisto prima casa notaio: le informazioni sul versamento delle imposte

Le tasse acquisto prima casa (imposta catastale, imposta di registro e imposta ipotecaria) vanno versate al notaio al momento della redazione dell’atto di compravendita. Per effetto della Legge Finanziaria del 2007, l’acquirente della prima casa a uso abitativo ha la possibilità di basare il calcolo dell’imposte sul valore catastale e non sul corrispettivo versato (questo vale in caso di acquirente privato che agisce per scopi di natura non imprenditoriale).

Se la vendita dell’immobile registrato come prima casa è soggetta a Iva, la base imponibile è il prezzo pagato e non il valore catastale dell’immobile. Fondamentale è ricordare che l’acquirente ha la possibilità di richiedere il calcolo delle imposte prendendo come base il valore catastale e non il prezzo dichiarato a seguito della negoziazione con il venditore.

Questa agevolazione è subordinata all’indicazione nell’atto dell’importo specifico pattuito per la cessione e alla riduzione del 30% della parcella notarile.

News Prestiti per pensionati

Prestiti pensionati Inps cessione del quinto 2016 Prestiti pensionati cessione del quinto: un’alternativa obbligata I pensionati sono una categoria in genere considerata privilegiata per ciò che concerne il mercato creditizio. La stabilità del loro reddito incontra il favore delle banche e degli istituti di credito, senza contare il supporto degli...
Prestiti online Findomestic: analisi dell’offerta Prestiti personali con Findomestic Diverse sono le motivazioni che ci spingono a richiedere un prestito, circostanze che spesso ci guidano nella scelta del miglior finanziamento prestando una maggiore attenzione alle proposte più competitive presenti sul mercato finanziario. Tra le proposte pres...
Prestito pensionistico: di cosa si tratta e come funziona Prestito pensionistico cos’è? Il prestito pensionistico potrebbe entrare a far parte della Legge di Stabilità, ulteriore intervento che potrebbe essere inserito nella riforma dopo l’estensione dell’opzione donna, la settima salvaguardia e il nuovo part-time a 63 anni. Secondo quanto dichiarato d...
Prestito sociale Coop: tutte le informazioni per richiederlo Il prestito sociale Coop è una soluzione flessibile per investire i propri risparmi grazie a un deposito sicuro e alla possibilità di tenere sotto controllo l’andamento della situazione. Cos’è il prestito sociale Coop? Cos’è di preciso il prestito sociale Coop? Una formula di deposito dei risparmi...