Cessione del quinto Inps: un’opportunità per i pensionati

Cessione quinto Inps: come funziona

Cessione del quinto Inps, di cosa si tratta? In un panorama come quello del credito italiano, in cui le banche e gli istituti ancora oggi, a crisi praticamente finita, faticano a erogare i prestiti, a farla da padrone è una formula in grado di accontentare tutti (creditori e debitori) e di agire in funzione anti-ciclica. È il prestito con cessione del quinto Inps.

Il meccanismo è semplice. Viene predisposta della liquidità, è programmato il piano di rimborso e un sistema di detrazioni. E’ proprio questa la particolarità: chi riceve il finanziamento non deve disporre il pagamento della rata, questa gli verrà detratta in automatico dalla busta paga (nel caso di pensionati il cedolino della pensione).

Cessione del quinto Inps: processo di rimborso

Si tratta di una formula che mette le banche al riparo dal rischio di insolvenza, dal momento che il rimborso è svincolato dalla volontà del debitore e avviene praticamente in automatico. Per questo motivo, la cessione quinto Inps viene concessa anche ai protestati e ai cattivi pagatori.

Analogamente, il finanziato è sollevato dagli oneri burocratici del rimborso (tecnicamente non deve fare nulla), in linea teorica non deve nemmeno giustificare il finanziamento: si tratta infatti di un prestito non finalizzato.

La cessione del quinto Inps è l’ideale per le spese emergenziali ma anche per quelle più complesse: dal punto di vista dell’importo, si pone a metà strada tra un prestito personale e un mutuo. I finanziamenti, in genere, non superano i 60.000 euro.

Come fare per richiedere un prestito con cessione del quinto Inps? A dire il vero il procedimento è piuttosto articolato. E’ necessario prima rivolgersi a una banca. Una volta che questa ha dato l’okay, è necessario contattare l’Inps, che deve dare un parere formale sulla cedibilità della pensione.

Quando l’ente calcola la massima quota cedibile (che non può superare il 20% della pensione), allora la palla passa di nuovo alla banca che procede con la normale erogazione della liquidità.

Per inciso, questo tipo di prestito non è dedicato esclusivamente ai pensionati. Sono inclusi anche i dipendenti pubblici e privati. Il meccanismo rimane comunque invariato.

Prestito quinto più: un’offerta particolare

I prestiti con cessione del quinto INPS sono frutto delle convenzioni stipulate dall’ente previdenziale con gli istituti di credito. È normale che, in questa prospettiva, le banche cerchino di differenziare i prodotti per quanto possibile, per una questione di concorrenza.

Molto apprezzata è l’offerta di Unicredit, che prende il nome di Prestito Quinto Più. Le regole sono le stesse. A cambiare però è l’importo massimo: in luogo dei 60.000 euro in genere concessi, in questo caso il richiedente ne può ottenere 69.000, quindi il 15% in più.

News Prestiti per pensionati

Prestiti pensionati Inps cessione del quinto 2016 Prestiti pensionati cessione del quinto: un’alternativa obbligata I pensionati sono una categoria in genere considerata privilegiata per ciò che concerne il mercato creditizio. La stabilità del loro reddito incontra il favore delle banche e degli istituti di credito, senza contare il supporto degli...
Finanziamenti auto usate: le offerte da non perdere I finanziamenti auto usate sono prodotti sempre più richiesti. Considerati a maggior rischio d’insolvenza rispetto a quelli orientati all’acquisto di auto nuove, questi finanziamenti sono caratterizzati in generale da un tasso più alto. Offerte finanziamenti auto usate: qualche esempio specifico I...
Cessione del quinto pensionati Banca Intesa: perché sceglierla Intesa San Paolo da sempre cerca di soddisfare ogni esigenza delle diverse tipologie di cliente, pensando soluzioni finanziarie su misura o per le categorie più delicate con la cessione del quinto pensionati banca Intesa sarà possibile richiedere un finanziamento dai pensionati Inps con più facilità...
Prestito pensionistico: di cosa si tratta e come funziona Prestito pensionistico cos’è? Il prestito pensionistico potrebbe entrare a far parte della Legge di Stabilità, ulteriore intervento che potrebbe essere inserito nella riforma dopo l’estensione dell’opzione donna, la settima salvaguardia e il nuovo part-time a 63 anni. Secondo quanto dichiarato d...